- Gradara - http://www.gradara.org -

La Pro Loco

simbolo della prolocoLa Pro Loco di Gradara è un’associazione di volontari senza finalità di lucro avente per scopo principale la promozione turistica, culturale, ambientale del territorio di Gradara.

Nasce per effetto della volontà di singoli cittadini e tende, con la propria organizzazione, al perseguimento di finalità trascendente gli interessi del singolo, utilizzando strumenti di diverso tipo per il raggiungimento di tali scopi.

L’eventuale esercizio di attività commerciale è quindi strumentale al raggiungimento dei fini istituzionali dell’Associazione. Gli scopi principali della Pro Loco di Gradara si possono brevemente riassumere nei seguenti punti:

Esistono due tipi di associazioni: quelle riconosciute perché munite di personalità giuridica (e sono la minoranza) e quelle non riconosciute. Ambedue comunque appartengono al novero degli enti di diritto privato, in quanto il riconoscimento non trasforma l’Associazione riconosciute in un ente di diritto pubblico.
Il Codice Civile si occupa delle Associazioni riconosciute negli articoli dal 14 al 35 del Codice Civile e di quelle non riconosciute dal 36 al 42.

L’U.N.P.L.I. [1] è l’Unione Nazionale Pro Loco d’Italia che riunisce tutte le Pro Loco d’Italia iscritte e rappresentate dai vari Comitati Regionali.

Il nuovo consiglio è stato eletto il 27 novembre 2012, viene riconfermato Presidente Alessi Sandro che dal 1993 ricopre questo ruolo.

Il consiglio direttivo è formato dal vicepresidente Bischi Maria Ida, consiglieri: Bianche Duillio, Guagneli Stefania, Ragaini Roberta, Ricci Giovanna, Rossini Marino; revisori dei conti Magi Marco e Pensalfini Michele.

Storia della Proloco di Gradara

Esiste un magnifico e antico registro in finta pelle nera con fregi vagamente liberty dove c’è tutta la storia di una associazione, forse poco conosciuta anche se opera fin dal lontano 1957. Esattamente dal 17 giugno, ore 19.00 con i primi soci-pionieri: D. Bischi, M. Gaudenzi, A.Ceccarelli, L. Bevilacqua, F. Giusini, A. Serafini, P. Bertozzi, che si riunirono nella residenza Municipale, gentilmente concessa, per discutere il seguente argomento:“esame ed approvazione del progetto e relativo appalto dei camminamenti su parte delle mura castellane”. Da allora sono passati ben 46 anni e la storia della Gradara – turistica si lega indissolubilmente alla Pro Loco.

Primo Statuto del 1957 [2] (PDF)

Ma che cos’è una Pro Loco?

Le associazioni Pro Loco nascono circa un secolo fa su iniziativa di privati promotori con lo scopo di : tutelare e migliorare le risorse turistiche locali, realizzare iniziative atte a favorire la conoscenza e la valorizzazione turistica della località, organizzare manifestazioni turistiche, assistere ed informare i visitatori, sensibilizzare la popolazione residente ai fini dello sviluppo delle attività turistiche.

Ma ora andiamo indietro nel tempo e ricordiamo alcuni importanti avvenimenti della nostra associazione:

28-7-1957- 1a Sagra della pannocchia (l’anno seguente nella 2 a edizione del 3 agosto sarà presente l’attrice Silvana Pampanini), inaugurazione camminamenti di ronda e dei proiettori per l’illuminazione delle mura.

19-10-57- la P.L. sollecita l’Amministrazione comunale affinchè promuova un convegno per risolvere la viabilità con Pesaro e Gabicce Mare.

22-6-58-la dinamica attività della P.L. fa si che 50 giornalisti europei, a convegno a Riccione, visitino Gradara ricevuti nella residenza municipale e nella Rocca accolti dalla N.D. Alberta Porta Natale.

23-8-64- con grande enfasi, la stampa locale e nazionale, riporta la notizia che Gradara è stata “invasa” dalla corte del Duca Materasso II, capo della goliardia di Urbino, che qui ha scelto di festeggiare le “FERIAE MATRICULARUM”.

7-10-66- Paul Faber, Presidente del Consiglio municipale di Parigi, giunge a Gradara per auspicare più intensi rapporti economici e turistici.

14-7-67- a Gradara viene festeggiata la presa della Bastiglia con un incontro Beaujolais-Sangiovese.

1967- Il celebre soprano Marcella Pobbe ed il pittore Salvatore Fiume per il Premio di pittura “Gradara”.

27-4-68- l’On .Achille Corona, Ministro del turismo, pressato dalle proteste dei turisti, fattegli pervenire dalla Pro Loco, venne di persona per risolvere un problema logistico della Rocca.

23-8-71-Premio di poesia “Gradara”.

23-7-74- esce il francobollo “Gradara”.

7-6-75- Nasce il primo Enohobby Club.

12-8-78- Gradara batte Anzio durante la trasmissione televisiva “Mille e una luce”. Doveva essere una città del sud delle Marche a rappresentare la regione ma…l’accoglienza ed il buon Sangiovese offerto, durante una sosta, fece loro cambiare idea.

Senza contare i vari tornei dei balestrieri ed i convegni sulla storia locale: tutto questo con un piccolo ufficio, una vecchia Olivetti ed una segretaria comunale che batteva la corrispondenza.

La P.L. dall’anno 2000 ha una sede, piccola ma efficiente e funzionale in piazzale V Novembre che funge da Ufficio accoglienza e informazione turistica aperto tutto l’anno.

Al fine di rendere più agevole la visita alla località l’Associazione ha attivato dagli anni 90 un servizio di coordinamento delle visite guidate , avvalendosi di guide abilitate provinciali.

Seduzione al Castello [3]Dal 1995 al 2005 la Pro Loco ha organizzato “Seduzione al Castello”, evento principale della stagione estiva gradarese e una delle attività più impegnative per la Pro Loco. La manifestazione storico – folcloristico che ha soppiantato l’antica e decennale rievocazione storica del “torneo della balestra”, coglie e valorizza le caratteristiche tipiche medievali della cittadella, ed enfatizza il mito e la leggenda di Paolo e Francesca che diventano custodi dell’amore e promotori della seduzione, temi che sottolineano l’aspetto romantico dell’evento. Artigiani ed artisti si esibiscono nei palcoscenici naturali del borgo, resi suggestivi da allestimenti creati per l’occasione. L’evento, che si svolge ogni terzo week end di luglio, ha riscosso l’apprezzamento dei visitatori (circa 6.000 presenze) e degli operatori turistici della zona.

Ha partecipato a fiere in collaborazione con l’Amministrazione Comunale (Mondo Natura – Rimini, Borsa del Turismo Internazionale – Milano, Mostra dello spumante) onde diffondere e promuovere l’immagine di Gradara.

L’apertura della Bottega del Sapore Antico, è stata una delle tante iniziative promosse dall’associazione per la valorizzazione dei prodotti enogastronomici del territorio. Dal 1999 al 2001 la P. L. ha gestito i Camminamenti di Ronda .

Tutte le iniziative promosse dall’associazione hanno sempre avuto come obbiettivo quello di valorizzare Gradara e di favorire l’afflusso turistico e, nel contempo, coinvolge i giovani del luogo e coloro che hanno tempo libero nelle attività organizzate, offrendo lavoro occasionale soprattutto nel periodo estivo.

Statuto della Proloco

Statuto Pro Loco Gradara [4] >> Statuto Pro Loco Gradara [4]